Archivi tag: SINP

Regolamento SINP: gestione telematica dei dati di salute e sicurezza sul lavoro

Regolamento SINP: gestione telematica dei dati di salute e sicurezza sul lavoro

Lo scorso 12 ottobre è entrato in vigore il Regolamento (che attua il DIM 183/2016) che definisce il funzionamento del SINP previsto dall’art. 8 del Testo Unico in materia di tutela della salute e sicurezza sui luoghi di lavoro (Dlgs 81/2008).

Cos’è SINP?

Il “Sistema Informativo Nazionale per la Prevenzione nei luoghi di lavoro” ha l’obiettivo di raccogliere tutti i dati inerenti le ditte e i lavoratori italiani: dati sulle ditte e sulle lavorazioni effettuate, le attività di prevenzione e il controllo/vigilanza sulle aziende e sui singoli lavoratori, nonché i dati relativi agli eventi infortunistici.

Una specie di raccoglitore telematico che permette di raggruppare tutte le informazioni relative alla salute dei lavoratori e alle condizioni di sicurezza e prevenzione nel luogo dove viene svolta l’attività.

Tutte le informazioni inserite e registrate nel SINP, sono gestite da un sistema informativo coordinato e interconnesso, sotto la responsabilità tecnica di Inail, e vengono utilizzate per meglio organizzare e gestire l’efficacia delle attività di prevenzione e indirizzare le attività di vigilanza.

Gli organismi che partecipano al sistema telematico sono: Ministero del lavoro e delle politiche sociali, Ministero dell’Interno, Regioni e Province Autonome, Inail.

Quali sono le informazioni che si ricavano grazie al sistema?

  • Quadro produttivo aziendale e occupazionale
  • Quadro dei rischi
  • Quadro di salute e sicurezza dei lavoratori per ogni settore di attività
  • Quadro delle azioni di prevenzione
  • Quadro degli interventi di vigilanza
  • Quadro degli infortuni sotto la soglia indennizzabile dall’Inail (ossia i meno gravi, ma più frequenti)

Quali novità rispetto ai precedenti obblighi?

Con l’implementazione del SINP viene soppresso l’obbligo per le ditte di tenere il registro degli esposti ad agenti nocivi così com’era già stato soppresso l’obbligo di tenuta del registro infortuni. Le ditte quindi non dovranno più conservare registri cartacei a disposizione degli organi di vigilanza, poiché ogni informazione sarà custodita nel sistema ed aggiornata in tempo reale.

Particolarmente importante è a questo punto la gestione degli aspetti legati alla privacy, considerando che il SINP prevede la gestione telematica di dati aziendali e personali e che tali dati sono visionabili da parte degli Enti e organi di vigilanza che hanno accesso al sistema.

La gestione della privacy è regolamentata dagli articoli 6 e 7 del Regolamento SINP: sono definite le disposizioni per il trattamento dei dati e le misure di responsabilità di ogni soggetto.

Ciascun Ente, inoltre, potrà attingere ai dati contenuti nel SINP con limitazioni sul tipo di dati visionabili ed ogni accesso verrà tracciato. Gli Enti potranno operare sui dati solamente nella misura strettamente necessaria per le proprie specifiche finalità istituzionali che sono definite dalla legge e secondo specifiche direttive contenute negli allegati al Regolamento.

La riservatezza dei dati inseriti nel SINP viene garantita da Inail tramite procedure di sicurezza in conformità con le regole tecniche e di sicurezza esplicitate nell’ambito del Sistema Pubblico di Connettività (SPC).

I dati del SINP saranno messi a disposizione anche delle parti sociali (organizzazioni dei datori di lavoro e dei lavoratori) che dovranno essere consultate almeno una volta all’anno da parte del Comitato.

Verrà istituito un apposito tavolo tecnico per lo sviluppo e il coordinamento del SINP, previsto dall’art. 5 del Regolamento, composto dai rappresentanti dei Ministeri del Lavoro, della Salute, dell’Interno e della Pubblica Amministrazione, della Difesa e dell’Economia, dell’Inail e delle Regioni e Province Autonome.

Il tavolo di coordinamento avrà il compito di verificare l’adeguatezza delle modalità tecniche di funzionamento del SINP, garantire la rispondenza dei contenuti dei flussi informativi alle finalità stabilite dal Dlgs 81/2008, formulare proposte per migliorare l’accessibilità, fruibilità e diffusione delle informazioni producendo anche report per gli Enti che concorrono al SINP.

Condividi
Facebooktwittergoogle_pluslinkedinFacebooktwittergoogle_pluslinkedinby feather
Seguici
Facebookgoogle_pluslinkedinrssFacebookgoogle_pluslinkedinrssby feather