Archivi tag: dichiarazione f-gas

Scadenza 2017 dichiarazione F-Gas: chi e come?

Scadenza 2017 dichiarazione F-Gas: chi e come?

Il DPR 43/2012 stabilisce in data 31 maggio il termine ultimo per la presentazione della dichiarazione annuale della quantità di emissioni in atmosfera di gas fluorurati ad effetto serra (F-Gas) utilizzati all’interno di apparecchi fissi di condizionamento (e altri) nel corso del 2016.

Facciamo il punto per capire quali sono i soggetti obbligati a presentare tale dichiarazione e cosa devono fare per non rischiare di essere sanzionabili.

Chi sono i soggetti obbligati a presentare la dichiarazione?


Tutti gli operatori (imprese e privati) che possiedono impianti contenenti una quantità di gas fluorurati superiore a 3 kg, ad esempio:

  • impianti di condizionamento d’aria
  • impianti di refrigerazione
  • pompe di calore
  • impianti fissi di protezione antincendio

Esistono delle esclusioni e se sì quali sono?


Alcune apparecchiature non rientrano negli obblighi espressi dal DPR 43/2012, e sono quelle che rispondono ai seguenti requisiti:

  • tutte le apparecchiature e gli impianti che contengono gas fluorurati in quantità inferiore a 3 kg
  • tutte le apparecchiature e impianti che utilizzano gas refrigeranti diversi dai fluorurati
  • tutte le apparecchiature mobili (es. quelle installate sui mezzi di trasporto)

Come posso sapere se sono tenuto a presentare la dichiarazione F-Gas?


E’ necessario verificare le caratteristiche dell’apparecchiatura presenti all’interno del libretto d’impianto in oggetto, come:

  • il tipo di gas refrigerante, indicato con i codici “R”
  • la quantità di gas refrigerante contenuto

Come si effettua la dichiarazione?


L’operatore proprietario dell’apparecchiatura deve accedere al sito dell’Istituto Superiore per la Protezione e Ricerca Ambientale (ISPRA) e compilare telematicamente la dichiarazione presente sulla rete SINAnet.

La dichiarazione F-Gas deve essere compilata anche nel caso in cui nell’anno di riferimento (2016) non siano state emesse quantità di gas fluorurati, e non siano stati eseguiti interventi di smaltimento o rabbocco della carica circolante presente all’interno dell’apparecchiatura.

Condividi
Facebooktwittergoogle_pluslinkedinFacebooktwittergoogle_pluslinkedinby feather
Seguici
Facebookgoogle_pluslinkedinrssFacebookgoogle_pluslinkedinrssby feather