Archivi tag: corsi

La formazione per i lavoratori: facciamo il punto.

light bulbs sketched on chalkboard Many small ideas make a big oneCon l’Accordo Stato-Regioni del 21/12/11 sono stati definiti i criteri per l’erogazione dei corsi di formazione per la sicurezza per i lavoratori. L’accordo, nello specifico, disciplina e definisce gli argomenti minimi, la periodicità di aggiornamento e il monte ore.

Ma andiamo per ordine. Il datore di lavoro ha l’obbligo di formare e informare i propri lavoratori. Ma chi è considerato lavoratore? Con il D.Lgs. 81/08 la definizione è stata nettamente ampliata rispetto alla 626. Il lavoratore, per la legislazione vigente, è quindi chiunque presti la propria opera anche a titolo gratuito. Rientrano quindi tutti i lavoratori con un regolare contratto, a prescindere dalla tipologia, i lavoratori atipici, coloro che stanno effettuando uno stage o un tirocinio formativo, i soci di società di persone o di capitali con mansioni operative, i volontari, etc. Non rientrano in questa definizione i partecipanti ad Imprese familiari, i liberi professionisti e gli altri soggetti elencati nell’art. 21 del D.lgs. 81/08. La normative è articolata e ci sono alcune deroghe od eccezioni che sarebbe complesso elencare. In questo articolo parleremo pertanto degli obblighi di formazione per i lavoratori nella loro definizione più classica.

La prima cosa che un Datore di lavoro deve fare per capire che tipo di corso prevedere per i lavoratori è definire la classificazione di rischio della propria attività.

Facciamo un esempio pratico: una società Studio ALFA si occupa di comunicazione e organizzazione eventi. Al momento della costituzione gli è stato assegnato un codice ATECO che dalla visura camerale risulta essere: ATECO 2007: 702100. Dalla consultazione delle tabelle, utilizzando solo le prime due cifre del codice (quindi il numero 70), si ritrova la seguente definizione: attività di direzione aziendale e di consulenza gestionale. La classificazione di rischio corrispondente è di Rischio Basso.

Sulla base di questa informazione il Datore di lavoro è ora in grado di programmare la formazione per i lavoratori. L’accordo prevede infatti 4 ore di formazione generale uguale per tutti, a prescindere dalla mansione o dal settore di appartenenza, e un monte ore variabile in base al rischio specifico e alla mansione svolta. Per la formazione specifica per attività a rischio basso, quindi, sono previste 4 ore di formazione. Il corso di formazione per i lavoratori della società di consulenza sarà dunque di 8 ore, suddivise in 4 ore di formazione generale e 4 ore di formazione specifica.

Come abbiamo detto, la formazione specifica varia in base alla classificazione di rischio. Per le attività a Rischio Medio sono previste 8 ore di formazione e per le attività a Rischio Alto sono obbligatorie 12 ore di formazione da aggiungere, in entrambi i casi, alla formazione generale di 4 ore. Alcuni esempi? I dentisti sono classificati a Rischio Alto così come gli odontotecnici, tutte le scuole sono classificate a Rischio Medio, tutte le attività di commercio e servizi sono a Rischio Basso.

Una volta completati i corsi, l’Accordo Stato-Regione prevede che sia previsto un aggiornamento. In questo caso, per tutte le attività, sono previste 6 ore di formazione da svolgersi durante i 5 anni successivi al corso.

Fin qui abbiamo parlato dei corsi per i neoassunti o per chi apre un’attività. Ma come devono comportarsi i Datori di lavoro che hanno organizzato corsi per i lavoratori negli anni precedenti l’entrata in vigore dell’Accordo Stato-Regioni? Ci sono anche qui un po’ di eccezioni ma in via generale, per mantenere la validità dei corsi svolti in passato, è necessario prevedere un aggiornamento sempre di 6 ore da svolgersi entro l’11 gennaio 2017.

Chiunque può insegnare nei corsi di formazione per lavoratori? No. La formazione deve essere svolta da personale idoneo. E’ data la facoltà al Datore di Lavoro o all’RSPP dell’azienda di effettuare formazione ma solo se in possesso di requisiti minimi di esperienza e formazione. Oppure ci si può rivolgere ad un Formatore Qualificato.

Scriveteci o contattateci sui nostri canali social. Saremo felici di rispondere alle vostre domande. 

 

 

Condividi
Facebooktwittergoogle_pluslinkedinFacebooktwittergoogle_pluslinkedinby feather
Seguici
Facebookgoogle_pluslinkedinrssFacebookgoogle_pluslinkedinrssby feather