Archivi tag: blog

ALTFUELS 2016: BolognaFiere sede della prima fiera mondiale sui combustibili alternativi

ALTFUELS 2016: BolognaFiere sede della prima fiera mondiale sui combustibili alternativi

L’Italia ospiterà la prima fiera mondiale sui carburanti alternativi.

Il grande evento “Alternative Fuels Conferences&World Fair 2016 – ALTFUELS 2016” si svolgerà infatti dal 25 al 28 maggio 2016 presso BolognaFiere e vedrà la presenza dei maggiori esperti internazionali del settore e le aziende più importanti del settore dei combustibili alternativi agli idrocarburi.

La manifestazione, organizzata dalla società AltFuels Communication Group, segue il successo della fiera internazionale “NGV Bologna 2012” dedicata all’impiego del gas naturale per l’autotrazione.

Perché proprio l’Italia e BolognaFiere?

L’Italia è di gran lunga il più ampio mercato dei carburanti alternativi in Europa: un settore che interessa il 7,8% del totale dei veicoli italiani in circolazione e ben il 14,5% dei nuovi immatricolati nel 2014. Siamo il riferimento mondiale degli alternative fuels, anche alla luce di ben 80 anni di esperienza nel settore del trasporto a gas metano.

La fiera offrirà l’opportunità di saperne di più sui progressi nel settore dei vari combustibili alternativi e delle nuove tecnologie sostenibili per il settore della mobilità.

Si svilupperà sull’area espositiva di BolognaFiere, che misura circa 3mila metri quadri, ed ospiterà 50 espositori provenienti da 13 Paesi: Italia, Argentina, Brasile, Canada, Nuova Zelanda, Cina, Russia, Turchia, Polonia, Germania, Francia, Spagna, Svizzera. Di oltre 40 Paesi invece i visitatori attesi, tra cui Stati Uniti, Giappone, Corea del Sud, Sud Africa, Egitto, Israele, Iran, Pakistan e tutte le Nazioni europee. Parallelamente si svolgerà un programma di seminari e workshop su ogni singolo carburante alternativo e sulle relative tecnologie. Per la prima volta, la manifestazione ha ricevuto il patrocinio di molte associazioni nel settore degli alternative fuels in ambito nazionale, europeo e mondiale: NGV Italy, NGVA Europe, NGV Global, Anigas, Assogasliquidi, Anfia, Assogasmetano, Consorzio Italiano Biogas, eAmbiente, Biosai, European Biogas Association, Federmetano, Anvel, AEGPL Europe, World LGP Association, Mobilitah2.it.

La scelta della location non è casuale: BolognaFiere è un quartiere fieristico certificato ISO 20121. Questo standard ad adesione volontaria è riconosciuto a livello internazionale e permette alle organizzazioni di dimostrare il proprio impegno e sensibilità per quanto riguarda la gestione sostenibile degli eventi.

Lo standard internazionale definisce i requisiti di un sistema di gestione della sostenibilità degli eventi per la comunità e per l’ambiente nel quale l’evento è inserito.

La norma ISO 20121 consente alle organizzazioni di dimostrare pubblicamente la propria attenzione per quanto riguarda:

  • Riduzione al minimo degli impatti sull’ambiente durante tutta la gestione dell’evento, dalla fase di pianificazione alla realizzazione;
  • Tutela la collettività e il luogo che ospita l’evento;
  • Migliora la reputazione dell’organizzazione a livello di mercato e con gli stakeholders.

BolognaFiere è stato il primo quartiere fieristico italiano ad aver ottenuto l’attestazione per la gestione sostenibile degli eventi secondo la norma internazionale ISO 20121.

mobilita_sostenibile_ftlia-kEzB--1280x960@Produzione

Vuoi saperne di più sulla ISO 20121? Ti rimandiamo al sito ELSE dedicato alla sostenibilità!

Condividi
Facebooktwittergoogle_pluslinkedinFacebooktwittergoogle_pluslinkedinby feather
Seguici
Facebookgoogle_pluslinkedinrssFacebookgoogle_pluslinkedinrssby feather

V.I.V.A.: L’ETICHETTA DI SOSTENIBILITA’ DEL SETTORE VITIVINICOLO E AGROALIMENTARE

V.I.V.A.: l’etichetta di sostenibilità del settore vitivinicolo e agroalimentare

Il Ministero dell’Ambiente ha avviato nel 2011 il progetto nazionale VIVA – Sustainable Wine, un protocollo ad adesione volontaria che mira a migliorare le prestazioni di sostenibilità della filiera vitivinicola attraverso l’analisi, condotta da consulenti qualificati, di quattro indicatori: Aria, Acqua, Territorio, Vigneto.

Il progetto, dopo una prima fase pilota che si è conclusa nel 2014, è oggi aperto a tutte le aziende interessate a farvi parte e ha già visto l’adesione al protocollo VIVA da parte di molte aziende vitivinicole su tutto il territorio nazionale.

Il protocollo si esprime mediante un’etichetta presente sulla bottiglia: l’etichetta “V.I.V.A. Sustainable Wine” indica che la bottiglia di vino ha intrapreso un innovativo percorso di valutazione delle performance di sostenibilità ambientale, sociale ed economica e che tali performance sono tese a migliorare nel tempo.

L’impatto della produzione della bottiglia è misurato su 4 indicatori:

  1. ARIA
    ariaEsprime il totale delle emissioni di gas a effetto serra associate al ciclo di vita della bottiglia, che comprende 4 grandi fasi:
  • Gestione del vigneto
  • Trasformazione dell’uva in vino e imbottigliamento
  • Distribuzione delle bottiglie
  • Smaltimento del vetro
  1. ACQUA
    acquaEsprime il volume di acqua dolce consumata per la produzione della bottiglia.
  1. TERRITORIO
    territorioValuta gli effetti delle attività aziendali sia sull’ambiente, i cui valori da difendere sono la biodiversità, la tutela e la valorizzazione del paesaggio; sia sulla comunità, verificando le conseguenze sociali ed economiche della produzione vitivinicola sui lavoratori, comunità locale, produttori e consumatori
  1. VIGNETO
    vignetoL’etichetta promuove anche la sostenibilità legata alle pratiche di gestione agronomica. L’indicatore vigneto valuta infatti la gestione del suolo, dalla concimazione alla gestione della sostanza organica, fino ai fenomeni di erosione e compattamento, e le attività aziendali che possono influenzare la biodiversità.

L’etichetta, normalmente posta sul retro della bottiglia, è consultabile anche mediante smartphone e tablet attraverso un QR code nel quale sono riassunti e resi noti al consumatore i risultati e i miglioramenti, in termini di sostenibilità, raggiunti dai produttori che aderiscono al progetto. Fotografando il QR code ci si collega al sito dedicato dove viene illustrato il progetto, gli obiettivi e i parametri di sostenibilità del vino che si intende acquistare.

La simbologia adottata nell’etichetta digitale aiuta il consumatore a distinguere visivamente le diverse aree dedicate alla presentazione dei risultati dei singoli indicatori (Aria, Acqua, Vigneto e Territorio). Il dettaglio di ogni indicatore contiene una breve descrizione che permette di comprendere meglio gli aspetti di sostenibilità espressi dall’indicatore stesso e di verificare le performance dell’azienda.

L’etichetta digitale VIVA è dunque sinonimo di assoluta trasparenza: un’interfaccia ideale tra l’azienda produttrice e il consumatore; un primo e importantissimo passo nella comune direzione della sostenibilità.

Come può un’azienda aderire al protocollo VIVA al fine di acquisire l’etichetta?

E’ stata creata la rete VIVA: un gruppo di professionisti e di aziende specializzate in consulenza ambientale che operano su scala nazionale ed internazionale. Ciò che accomuna i componenti della rete è il fatto di aver partecipato al corso di formazione VIVA – “La sostenibilità nella viticoltura in Italia” organizzato dal Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare e dall’Università Cattolica del Sacro Cuore di Piacenza. Il corso ha formato i consulenti per accompagnare le aziende vitivinicole verso l’acquisizione del marchio di sostenibilità VIVA.

Il team della rete VIVA è composto da tecnici esperti con competenze consolidate in varie discipline: agronomia, scienze ambientali, ingegneria ambientale, economia, architettura e chimica dell’ambiente in modo da trasferire ai clienti un servizio accurato, frutto di un approccio multidisciplinare e attento alla sostenibilità ambientale, sociale ed economica.

Attraverso il network i consulenti VIVA offrono consulenza alle aziende vitivinicole in modo capillare su tutto il territorio italiano per quanto riguarda:

  • Etichetta VIVA Sustainable Wine
  • Carbon Footprint ISO/TS 14067 / ISO 14064
  • Water Footprint ISO 14046
  • Environmental Footprint
  • Emission Trading
  • Elaborazione di best practices attuabili al fine di ridurre gli impatti in azienda
  • Studi di sostenibilità relativi a prodotti e attività aziendali
  • Interventi di efficienza energetica

Anche noi di Else Project abbiamo all’interno del nostro team un consulente abilitato ad operare per l’acquisizione dell’etichetta VIVA – Sustainable Wine. Contattaci sul nostro sito dedicato alla sostenibilità di ELSE!

E’ possibile contattare tutti i consulenti della rete VIVA al sito dedicato www.vinisostenibili.com

vinisostenibili-img-305x305
Brochure della rete dei consulenti VIVA, consultabile sul sito www.vinisostenibili.com
viva_etichetta_vino_sostenibile
Etichetta VIVA di prodotto, normalmente posta sul retro della bottiglia certificata.
Condividi
Facebooktwittergoogle_pluslinkedinFacebooktwittergoogle_pluslinkedinby feather
Seguici
Facebookgoogle_pluslinkedinrssFacebookgoogle_pluslinkedinrssby feather

NOW: il festival sul futuro sostenibile made in Como

NOW: il festival sul futuro sostenibile made in Como

Dal 6 al 8 maggio 2016 a Villa Erba di Cernobbio, sul lago di Como, nasce NOW: il primo festival dedicato al futuro sostenibile.

Un evento che ha come obiettivo quello di dare voce a tutte le Imprese, Associazioni, Organizzazioni, Enti e altre realtà che adottano stili, soluzioni e processi sostenibili per l’ambiente, l’economia, la cultura e la società.

Promosso dall’associazione comasca L’Isola che c’è, l’intero festival ruota attorno a 8 parole che hanno lo scopo di evocare i molti temi riguardanti la sostenibilità e il futuro: Terra, Cibo, Economia, Sicurezza, Energia, Relazioni, Saperi, Luoghi.

Now Festival è un’occasione per incontrare storie virtuose, all’avanguardia, per conoscere esperienze e soluzioni che in un futuro possono essere adottate facilmente e condivise da tutti. Strade verso nuovi modelli di sviluppo per migliorare la qualità della vita.

L’evento conta la partecipazione di 200 imprese, tra cui Cooperative, Associazioni, privati e altre realtà all’avanguardia, che saranno presenti per raccontare la loro storia, testimoniare i loro percorsi e mostrare i loro prodotti.

Il festival si rivolge a tutti: giovani, famiglie, curiosi, imprenditori e imprese, e più in generale ad un pubblico fatto di persone di ogni età per far conoscere e sperimentare nuove soluzioni per migliorare la qualità del buon vivere.

Now Festival aprirà i cancelli venerdì 6 maggio alle ore 10:00 e si svolgerà per 3 giorni a Cernobbio nella verde cornice di Villa Erba: un suggestivo centro espositivo e congressuale internazionale con spazi polifunzionali circondati da un parco che si affaccia direttamente sulle rive del Lago di Como.

Gli stand espositivi protagonisti della 3 giorni riguardano i seguenti settori:

  • Impresa e Lavoro: agricoltura, artigianato, tessile, cooperazione, innovazione, sharing economy
  • Cura e Benessere: cibo, cultura, informazione, salute, turismo, welfare, volontariato
  • Ambiente e Sostenibilità: energia, mobilità, prodotti eco-compatibili, riuso
  • Mondialità e Globalizzazione: commercio equo, disarmo, migrazioni, solidarietà internazionale

Now Festival non rappresenta solo una finestra espositiva: all’interno del festival infatti sarà possibile partecipare e assistere a incontri, workshop, animazioni, laboratori e concerti serali.

Noi di ELSE non perdiamo l’occasione di assistere all’apertura di questo evento, e consigliamo a tutti quanti, curiosi, esperti e non, di partecipare a questa interessante e fresca iniziativa!

 Villa-Erba

Condividi
Facebooktwittergoogle_pluslinkedinFacebooktwittergoogle_pluslinkedinby feather
Seguici
Facebookgoogle_pluslinkedinrssFacebookgoogle_pluslinkedinrssby feather

Essere ecoturisti

Essere ecoturisti

Esiste un modo responsabile di viaggiare in aree naturali, conservando l’ambiente e sostenendo il benessere delle popolazioni locali? L‘International EcotourismSociety racchiude queste caratteristiche nell’ecoturismo. E lecoturista ha a cuore tutto questo: è un viaggiatore curioso, che si informa e sperimenta. Perché la differenza la fanno le scelte, e per scegliere bisogna conoscere. Per approfondire apri il link  e seguici sul sito di Piuturismo!

Condividi
Facebooktwittergoogle_pluslinkedinFacebooktwittergoogle_pluslinkedinby feather
Seguici
Facebookgoogle_pluslinkedinrssFacebookgoogle_pluslinkedinrssby feather

Carbon Footprint e Carbon Credits: approfondiamo!

Carbon Footprint e Carbon Credits: approfondiamo!

La Carbon Footprint, o impronta di Carbonio, rappresenta la quantità di emissioni di gas ad effetto serra che vengono generate durante la filiera di produzione di un prodotto.

Espressa nell’unità di misura CO2eq, la Carbon Footprint considera le emissioni complessive di tutte le fasi di vita di un prodotto dalla sua nascita allo smaltimento, rapportate al Global Warming Potential della CO2, ossia al contributo della stessa all’effetto serra.

E’ importante considerare l’intero ciclo di vita di un prodotto poiché in ciascuna di queste fasi vengono generati inquinanti ambientali, tra cui appunto l’anidride carbonica che è il principale gas serra responsabile del fenomeno del riscaldamento globale. E’ importante calcolare la Carbon Footprint di un prodotto per comprenderne l’impatto climatico.

Quali vantaggi comporta per un’azienda il calcolo della CF di un prodotto?

I vantaggi sono diversi:

  1. Effettuare il calcolo dell’impronta climatica di un prodotto rappresenta oggi una nuova frontiera della contabilità ambientale, un’evoluzione delle politiche ambientali aziendali anche in relazione alla crescente sensibilità verso la problematica del cambiamento climatico.
  2. Quantificare i propri impatti rappresenta un’opportunità per conoscere le proprie performance ambientali e uno strumento per rafforzare la propria green reputation.
  3. Permette di avere un controllo strategico sulle emissioni di inquinanti e gas serra a livello internazionale attraverso strumenti di quotazione monetaria delle emissioni stesse ed il commercio delle quote di emissione tra stati diversi, per rispettare i vincoli ambientali proposti dal Protocollo di Kyoto.

I vantaggi espressi nel punto 3 si riassumono in un grande strumento di controllo strategico: i CARBON CREDITS.

Cosa sono i Carbon Credits?

Sono chiamati anche diritti di emissione e si basano sugli accordi stabiliti dal Protocollo di Kyoto, nel quale sono stabilite le soglie massime di emissioni di CO2 per tutti i Paesi firmatari.

Si è sentito spesso parlare di Carbon Credits, associati ad altri termini come emission trading, o cap and trade. Si tratta di una forma di mercato, una “borsa” creata per fornire incentivi economici a chi vuole ridurre le proprie emissioni di gas serra. Questa borsa non utilizza una misura di valuta come il dollaro o l’euro per effettuare transazioni (come succede nel mercato tradizionale), bensì la CO2 espressa in tonnellate.

Come funziona il meccanismo dei Carbon Credits?

Un’autorità nazionale o sovranazionale definisce un valore massimo, un volume definito (in inglese “cap”) di emissioni di CO2 in atmosfera a livello globale. Questo valore viene diviso e ripartito sotto forma di diritti di emissione tra stati e aziende.

L’impegno da parte delle aziende è quello di emettere CO2 in quantità pari o inferiore alle quote assegnate. In caso contrario il soggetto che ha superato i limiti di emissione deve acquistare i crediti che gli mancano da altri soggetti che si sono comportati in maniera più virtuosa di quanto richiesto e che quindi possono vendere le proprie eccedenze.

Quali sono i vantaggi?

Gli stati e le aziende in grado di ridurre le proprie emissioni hanno due grandi vantaggi:

  • Economico, grazie alla vendita dei crediti
  • Reputazionale, perché dimostrano all’intero sistema di essere in grado di rispettare le regole stabilite dal Protocollo

La teoria di fondo è “pagare meno, pagare tutti”, cioè agire in maniera coordinata per abbassare i costi di un progetto finalizzato a ridurre le emissioni di CO2.

Se volete approfondire questi temi, desiderate una consulenza sui carbon credits o semplicemente siete curiosi di saperne di più, vi segnaliamo i nostri partner di Green2Green che si occupano di efficienza energetica e carbon credits.

Condividi
Facebooktwittergoogle_pluslinkedinFacebooktwittergoogle_pluslinkedinby feather
Seguici
Facebookgoogle_pluslinkedinrssFacebookgoogle_pluslinkedinrssby feather

FORMAZIONE SULLA SICUREZZA: FINANZIAMENTI INAIL 2016

FORMAZIONE SULLA SICUREZZA: FINANZIAMENTI INAIL 2016

La tematica della formazione sulla salute e sicurezza sui luoghi di lavoro rappresenta uno degli aspetti chiave sul quale tutte le aziende devono soffermarsi.

Se vogliamo determinare quanto sia importante avere una formazione in questo campo, basta che ci fermiamo un secondo e riflettiamo su quanto essa sia fondamentale per un corretto e sicuro svolgimento di una mansione, e automaticamente per la prevenzione dei rischi per la salute dei lavoratori, dipendenti e non.

Con l’applicazione dell’art. 11 del DLgs n. 81/2008, è previsto il finanziamento da parte di INAIL e regioni, di progetti formativi specificamente dedicati alle piccole, medie e micro imprese per sensibilizzare e promuovere principi e comportamenti di tutela della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro.

Ciascun progetto formativo dovrà avere un costo compreso tra i 200 mila e gli 800 mila euro e verrà finanziato totalmente, con la possibilità di richiedere un’anticipazione del 30%.

CHI PUO’ ADERIRE AL BANDO?

Il bando mette a disposizione in totale 14.589.896 euro che possono essere utilizzati dai seguenti soggetti attuatori, singoli o in aggregazione:

  • Organizzazioni sindacali dei lavoratori e organizzazioni sindacali dei datori di lavoro, che possono avvalersi per la realizzazione anche di strutture formative di diretta o esclusiva emanazione;
  • Organismi paritetici;
  • Università;
  • Dipartimento dei Vigili del fuoco, del soccorso pubblico e della difesa civile;
  • Ordini e collegi professionali, limitatamente ai propri iscritti;
  • Enti di patronato;
  • Soggetti formatori accreditati in conformità al modello di accreditamento definito in ogni Regione e Provincia autonoma ai sensi dell’intesa sancita in data 20/03/2008 e pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale del 23 gennaio 2009, in ogni Regione in cui si svolgerà il progetto formativo.

Tali soggetti dovranno avvalersi, per l’attuazione del progetto, della collaborazione di docenti qualificati o con comprovata esperienza almeno triennale di insegnamento o professionale in materia di salute e sicurezza sul lavoro.

CHI SONO I DESTINATARI DEI PROGETTI FORMATIVI?

I destinatari delle attività di formazione finanziate saranno datori di lavoro, lavoratori (stagionali e non), responsabili dei lavoratori (Rls, Rlst) e piccoli imprenditori.

I progetti formativi, semplici o integrati (formazione + attività di addestramento), dovranno essere realizzati in almeno quattro Regioni (una Regione per una delle macroaree: nord, centro, sud, isole) e interessare i seguenti ambiti:

  1. Formazione finalizzata all’adozione di modelli di organizzazione e di gestione in un’ottica di sviluppo del sistema delle relazioni e di cambiamento di cultura organizzativa;
  2. Formazione sui rischi specifici delle attività svolte;
  3. Formazione sugli aspetti organizzativo-gestionali e tecnico-operativi nei lavori in appalto e negli ambienti confinati, con particolare riferimento alla gestione delle emergenze;
  4. Formazione per l’adozione dei comportamenti sicuri finalizzati alla prevenzione degli infortuni e delle tecnopatie;
  5. Formazione sulla valutazione dei rischi, con particolare attenzione a quelli collegati allo stress lavoro correlato, alle lavoratrici in stato di gravidanza e alle differenze di genere;
  6. Formazione sulla gestione dei rischi in ambiente di lavoro legati alla dipendenza da alcol, sostanze psicotrope e stupefacenti.

I progetti sono valutati sulla base della capacità di promuovere, attraverso il dialogo sociale e il coinvolgimento dei lavoratori, comportamenti aderenti ai principi di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro.

Per accedere al finanziamento è necessario inviare a Inail la domanda di adesione al bando entro le ore 13:00 del 19 aprile 2016.

Condividi
Facebooktwittergoogle_pluslinkedinFacebooktwittergoogle_pluslinkedinby feather
Seguici
Facebookgoogle_pluslinkedinrssFacebookgoogle_pluslinkedinrssby feather

PUBBLICATI I CAM PER GLI APPALTI VERDI

PUBBLICATI I CAM PER GLI APPALTI VERDI

In data 21/01/2016 è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale il DM 24 dicembre 2015 che adotta i Criteri Ambientali Minimi (CAM) per l’affidamento di servizi di progettazione e lavori per la costruzione/ristrutturazione/manutenzione di edifici e per la gestione dei cantieri della Pubblica Amministrazione.

Il documento si inserisce nel Piano d’Azione Nazionale per la sostenibilità ambientale dei consumi della pubblica amministrazione (PAN GPP), e i principali obiettivi sono:

  1. INTEGRARE tutte le fasi del processo di acquisto incoraggiando la diffusione di tecnologie e lo sviluppo di prodotti validi sotto il profilo ambientale;
  2. RIDURRE l’impatto ambientale in relazione ai consumi della Pubblica Amministrazione;
  3. PROMUOVERE la scelta di risultati e soluzioni aventi il minore impatto ambientale lungo il loro intero ciclo di vita;
  4. PREMIARE la diffusione di modelli di consumo ed acquisto sostenibili, nonché il miglioramento della competitività delle aziende e lo stimolo alle innovazioni.

All’interno di questa normativa sono definiti i Criteri Ambientali Minimi (CAM), che rappresentano il punto di riferimento a livello nazionale in materia di acquisti pubblici verdi.

I CAM, organizzati in 11 settori relativi alle attività pubbliche e private, hanno l’obiettivo di fornire all’Ente le considerazioni ambientali, collegate alle diverse fasi delle gare d’appalto, utili a qualificare a livello ambientale sia le forniture che gli affidamenti lungo l’intero ciclo di vita del servizio/prodotto.

La definizione dei CAM ha perciò consentito di facilitare il compito delle stazioni appaltanti che vogliono adottare o implementare pratiche di GPP (Green Public Procurement) ed essere in linea con i principi del PAN. Esse possono infatti trasferire nei propri capitolati le caratteristiche ambientali per classificare come “verde” la fornitura cui si riferiscono, e i relativi test per verificare la conformità delle offerte pervenute ai requisiti ambientali richiesti.

Grazie alle indicazioni fornite dai CAM perciò, assisteremo ad un graduale innalzamento del livello di qualità ambientale dei prodotti presenti sul mercato, e contemporaneamente ad una domanda sempre più attenta alla qualità ambientale.

gpp-green-public-procurement

Condividi
Facebooktwittergoogle_pluslinkedinFacebooktwittergoogle_pluslinkedinby feather
Seguici
Facebookgoogle_pluslinkedinrssFacebookgoogle_pluslinkedinrssby feather

MADE GREEN IN ITALY: IL NUOVO MARCHIO SULLA GREEN ECONOMY

MADE GREEN IN ITALY: IL NUOVO MARCHIO SULLA GREEN ECONOMY

Al via le nuove disposizioni del Collegato Ambientale (decreto 28/12/2015 n.221) alla Legge di Stabilità, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 13 del 18 gennaio 2016, per il contenimento dell’uso eccessivo delle risorse naturali.

Si tratta di un pacchetto di misure destinate ad incidere in modo significativo su vari aspetti della normativa ambientale e della green economy, i cui principali obiettivi sono:

  • SEMPLIFICARE e PROMUOVERE il riutilizzo delle risorse
  • SOSTENIBILITA’ AMBIENTALE
  • INCENTIVI per premiare i comportamenti virtuosi di consumatori, produttori e istituzioni.

Fra le principali novità contenute nel decreto, tra cui il credito d’imposta al 50% per le operazioni di bonifica dell’amianto di cui abbiamo parlato nell’articolo “SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO: BANDI E FINANZIAMENTI 2016”, troviamo anche il marchio volontario MADE GREEN IN ITALY per la valutazione e comunicazione, da parte delle aziende, dell’impronta ambientale dei prodotti.
Sostanzialmente, chi compra potrà privilegiare il “chilometro zero” certificato e le produzioni agricole e industriali sostenibili.

Il marchio unisce due diversi percorsi sperimentali: il progetto CARTESIO e la CARBON FOOTPRINT, entrambi guidati dalla volontà di offrire alle aziende italiane l’opportunità di far valere l’eccellenza ambientale dei propri prodotti basata sullo strumento metodologico LCA (“Life Cycle Assessement”, la valutazione del ciclo di vita di un prodotto/servizio ossia delle sue interazioni e impatti sull’ambiente).

Già nel 2013 i due percorsi avevano trovato convergenza nel metodo PEF – Product Environmental Footprint definito dalla commissione europea (esplicitato nell’allegato II della raccomandazione 2013/179/UE), che estendeva l’approccio LCA rendendolo più utilizzabile nell’ambito di schemi di valutazione e certificazione del calcolo dell’impronta ambientale di un prodotto.

Le modalità di funzionamento dello schema MADE GREEN IN ITALY dovranno essere stabilite in dettaglio da un regolamento che il Ministero dell’Ambiente predisporrà entro 180 giorni dall’entrata in vigore del collegato ambientale, anche se l’articolo 21 dello stesso stabilisce inequivocabilmente che esso adotterà il metodo PEF.

In attesa dell’emanazione del regolamento per il funzionamento dello schema, alcune esperienze di filiere e distretti del “made in Italy” hanno già iniziato a sviluppare applicazioni di questo metodo per prodotti tipici dei loro territori. Fra le esperienze in posizione più avanzata possono essere citate, ad esempio, le filiere e i cluster partecipanti al progetto “Life PREFER (Product Environmental Footprint Enhanced by Regions)” con i propri prodotti di punta, dei quali è stata calcolata l’impronta ambientale.

Condividi
Facebooktwittergoogle_pluslinkedinFacebooktwittergoogle_pluslinkedinby feather
Seguici
Facebookgoogle_pluslinkedinrssFacebookgoogle_pluslinkedinrssby feather

Else e Piuturismo fanno la cosa giusta!

Dal 18 al 20 marzo, nei padiglioni 3 e 4 di Fieramilanocity, avrà luogo la 13° edizione della più grande fiera nazionale del consumo critico e stili di vita sostenibili: FA’ LA COSA GIUSTA!

Da 13 anni ormai, la fiera si propone come luogo di incontro e scambio per tutti i cittadini e le realtà desiderose di vivere secondo i criteri della sostenibilità sociale, economica e ambientale.

L’obiettivo di Fa’ la cosa giusta è quello di far conoscere e diffondere sul territorio nazionale le “buone pratiche” di consumo e produzione e di valorizzare le specificità e le eccellenze, in rete e in sinergia con il tessuto istituzionale, associativo e imprenditoriale locale.

All’interno della fiera si troverà una mostra mercato costituita da molte realtà espositive di ogni settore commerciale e no profit: critical fashion, cibo, cosmesi, laboratori, mobilità sostenibile, informatica, turismo consapevole e tanti altri, tutti accomunati dall’impronta green della sostenibilità e dall’attenzione alle risorse naturali che ci circondano e che spesso sottovalutiamo.

Per il secondo anno consecutivo ELSE PROJECT è entusiasta di partecipare alla fiera con lo stand di PIUTURISMO che promuove l’ecoturismo nazionale ed internazionale attraverso lo sviluppo di un’attenzione critica e di scelte responsabili verso strutture turistiche ricettive e ristorative ecosostenibili e itinerari green.

ELSE PROJECT contribuisce allo stand e accompagna la realtà di PIUTURISMO: saremo presenti per condividere con voi idee, progetti e scelte responsabili riguardo le tematiche della sostenibilità nel settore degli eventi, vitivinicoltura, e delle consulenze in materia di qualità, ambiente e sicurezza.

VI ASPETTIAMO ALLO STAND DI PIUTURISMO!

Condividi
Facebooktwittergoogle_pluslinkedinFacebooktwittergoogle_pluslinkedinby feather
Seguici
Facebookgoogle_pluslinkedinrssFacebookgoogle_pluslinkedinrssby feather